martedì 12 aprile 2016

Macco di fave leonfortese





Ora che gli agnelli brucano tranquilli, sono state sgusciate le ultime uova - sode e di cioccolata - e smaltita l'abbondanza dolciaria del mio compleanno, ho deciso di assecondare il sano riposo epatico, senza però ricorrere a verdurine e ministroni.

Allora accantono momentaneamente il mio orgoglio pugliese per attingere alla sapiente tradizione di mia suocera, che di cucina leonfortese dieci anni fa mi deliziò e mi rimpinzò.

Oggi vi propongo il Macco di fave leonfortese, senz'altro conosciuto ai più, ma principe incontrastato a Leonforte per la peculiarità di questo legume.



Macco di fave leonfortese

Ingredienti

fave secche sgusciate e ammollate
sale
peperoncino o pepe nero
olio extra vergine d'oliva
finocchietti selvatici


Mettete a cuocere, a fuoco lento, le fave completamente sgusciate, in acqua tiepida. A metà cottura aggiungete i finocchietti selvatici e condite con sale e peperoncino (o pepe nero).
Se non avete a disposizione i finocchietti selvatici andrà bene qualche seme di finocchio.

Quando sono ben cotte, schiacciatele con la forchetta riducendole a "maccu".

A Leonforte si aggiunge il riso bianco cotto a parte e si condisce con il filo d'olio d'oliva.
A me piace proporlo a purea con crostini di pane e olio d'oliva.

Se utilizzate le fave di Leonforte ricordatevi che non hanno bisogno di essere tenute in acqua perché sono "cucivuli".

5 commenti:

  1. Credo che anche io lo,preferirei con i crostini di pane, piuttosto che con il riso bianco cotto a parte! Ben fatto

    RispondiElimina
  2. Una delizia per il palato, una pietanza cremosa e gustosa da accompagnare con crostini di pane.

    RispondiElimina
  3. Devono essere deliziose, appena torno in Sicilia spero che me le farai assaggiare cara cognata!

    RispondiElimina
  4. Pure io preferisco la versione con i crostini: che buono il macco di fave!!! Non l'ho mai provato con il finocchietto, occorrerà rimediare!!!

    RispondiElimina